Vittorio Guzzinati, pilastro del Trotto Tricolore

Dell'emiliano Vittorio Guzzinati, adottato da Milano, occorre sottolineare che si tratta di uno dei più importanti guidatori ed allenatori del Trotto Italiano, scomparso nel 2010 a 76 anni. Allievo del russo Alexander Finn, praticamente il più sapiente uomo del Trotto in Italia, Vittorio Guzzinati negli anni Cinquanta fece una dura gavetta a San Siro, da cui s'incamminò verso una brillante carriera in cui ottenne circa 3900 affermazioni, di cui 70 in Grandi Premi. Per 5 volte si impose nel Frustino d'oro, nel 1975, 1979, 1980, 1982 e 1985. Collaborò con le più importanti scuderie del suo tempo dai Borsani fino alla Gianita Frar e Orsi Mangelli. Uomo apparentemente ruvido nella comunicazione, possedeva in realtà una sensibilità eccezionale abbinata ad un grande talento, che gli permettevano di essere considerato un Maestro assoluto nelle ferrature e nella preparazione di un trottatore. Un esempio mirabile per tutti, Vittorio Guzzinati, detto anche il Toscanini delle redini lunghe. Per tutta la carriera volle al fianco il fratello Giuseppe, pur avendo caratteri diametralmente opposti.



Nel risalto Vittorio alla guida di Limbo Joe con cui vinse il GP Lotteria castigando Esotico Prad sul palo

Vittorio Guzzinati, pilastro del Trotto Tricolore

Settembre 2019
  • Lu
  • Ma
  • Me
  • Gi
  • Ve
  • Sa
  • Do
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30

Pacha Dei Greppi